Quando Neuro Science lavora su Marketing e Copywriting, Neuro Copywriting è il risultato straordinario.

Un piccolo passo indietro: cos'è il neuromarketing?

  • Il neuromarketing è l'applicazione delle neuroscienze al marketing tradizionale al fine di indagare il comportamento dei consumatori in risposta a uno stimolo.
  • La ricerca di mercato tradizionale analizza solo la parte razionale dei processi decisionali dei tuoi consumatori. Tuttavia, 95% delle decisioni di acquisto vengono prese in modo irrazionale. Ciò significa che oggi conosci solo 5% del tuo potenziale cliente.
  • Il Neuromarketing permette di comprendere i processi decisionali inconsci, che sono alla base della Scelta e che sono responsabili della maggior parte delle decisioni di acquisto.

Neuromarketing, neuro copywriting, la neuroscienza non è teoria: si tratta di un utilizzo pratico, utile e convincente nel tuo sforzo di marketing

Pubblicità

Usa Neuro Copywriting e Neuroscienze a Ottimizzare le tue campagne di annunci a pagamento.

Scrivere

Quando Neurosciente, NeuroMarketing e l'arte del copywriting si incontrano.

Copywriting diretto

L'arte del Directe Response Copywriting è un'abilità che rende lo sforzo di marketing misurabile e degno.

Percezione del marchio

La percezione del marchio è tutto emozioni, e le emozioni provengono dal nostro cervello. NeuroSciente studia come abbinarli.

Disegno grafico

Cosa c'è di meglio di un pezzo grafico di un altro? Neurocopywriting aiuta a capirlo.

UI e UX sul sito web

Quale pulsante, quale colore, quale esperienza digitale e perché? Non renderlo casuale.

Micro copia e testi

Micro Copywriting è qualcosa su cui grandi team come quello di Amazon dedicano MOLTO tempo e sforzi.

Prestazioni SEO

Più alto Qualità, Maggiore valore per il cliente, contenuti migliori, significa solo risultati migliori su Ricerca Google.

Social media

I social media sono incentrati sull'interazione umana. Non andare a caso, usa un approccio scientifico.

Aziende che utilizzano neuro copia scrittura, neuroscienze, neuromarketing per Piano e lavorare sui loro campi di marketing

Quando si tratta di ottenere le migliori prestazioni, il neuro copywriting è l'unica cosa che devi studiare, padroneggiare e praticare

QUANDO NEUROCOPIA, NEUROCOPIA, NEUROCOPIA SCRITTURA, NASCE IL NEURO COPYWRITING?

L'espressione: “Neurocopywriting” è nuova. Lo abbiamo scelto per sottolineare la possibile collaborazione tra la creazione di contenuti (entrambi testo e visiva), neuroscienze e psicologia cognitiva (il suffisso neuro).

Perché preoccuparsi del neurocopywritng? Semplicemente, le neuroscienze possono essere utilizzate proficuamente per migliorare tutta la comunicazione, anche quella non scritta e off-line, con un miglior coinvolgimento e tassi di conversione degli utenti.

I progressi scientifici degli ultimi anni ci offrono strumenti sempre più potenti per affinare le tecniche di comunicazione e comprendere il comportamento del pubblico e dei lettori.

La recente esplosione dell'applicazione del neuromarketing ai processi decisionali (e non) di acquisto ne è un chiaro esempio.

La scoperta dei meccanismi (spesso inconsapevoli e involontari) che governano le nostre scelte è accompagnata dallo sviluppo di nuove metodologie che ci consentono di accumulare sempre più dati sui visitatori e migliorare sensibilmente l'esperienza dell'utente.

Tracciare il movimento degli occhi dei lettori sulle pagine web ha portato, ad esempio, all'utilizzo delle mappe di calore e alla scoperta delle regole su come posizionare i contenuti e aumentare le conversioni.

Tecnologie come la risonanza magnetica e gli elettroencefalogrammi consentono di rilevare e misurare le risposte emotive del pubblico e di valutare l'efficacia delle affermazioni, pubblicità e invito all'azione.

Il nuovo software di riconoscimento delle emozioni facciali completa il quadro, permettendoti di avere un'idea delle reazioni emotive di chi legge o utilizza il nostro sito e, in definitiva, delle loro reazioni e decisioni.

Chi può trarre vantaggio dal neuro copywriting?

A differenza del neuromarketing, che mira solo a saldi, il neuro copywriting ha un uso più generale:

  • Un insegnante potrebbe trovare utile applicare alcune tecniche di psicologia alle sue lezioni;
  • manager e funzionari possono trovare utili idee migliorare la loro comunicazione e avere successo sul lavoro;
  • copywriter e gli scrittori possono capire se e come il contenuto viene letto e con quale effetto/tipo di impatto sul lettore.
  • Per fare un esempio di applicazione, i relatori più esperti iniziano la loro presentazione rassicurando il pubblico con un'apertura adeguata (spesso raccontando una storia divertente).

Le tensioni emotive e il nervosismo sono infatti un potente fattore di distrazione, motivo per cui dovrebbero essere mitigati il più possibile per facilitare i processi di apprendimento dei partecipanti alla conferenza.

Per certi versi, il neuro web copywriting ricorda il neuro web design: in entrambi i casi, l'obiettivo è migliorare l'esperienza dell'utente e la comunicazione. La differenza è che il primo si concentra sul contenuto mentre il secondo si concentra sulla funzionalità.

Tracciare il movimento degli occhi dei lettori sulle pagine web ha portato, ad esempio, all'utilizzo delle mappe di calore e alla scoperta delle regole su come posizionare i contenuti e aumentare le conversioni.
Tecnologie come la risonanza magnetica e gli elettroencefalogrammi consentono di rilevare e misurare le risposte emotive del pubblico e di valutare l'efficacia di reclami, pubblicità e call of action.
Il nuovo software di riconoscimento delle emozioni facciali completa il quadro, permettendoti di avere un'idea delle reazioni emotive di chi legge o utilizza il nostro sito e, in definitiva, delle loro reazioni e decisioni.

– PAYPAL

Anche il copywriting può trarre beneficio dalle neuroscienze: se si conoscono le paure inconsce del pubblico, diventa possibile creare messaggi che coinvolgano maggiormente i destinatari.
Tuttavia, non si tratta solo di guadagnare di più. Il neuro copywriting può aiutarci a farci leggere e ascoltare in un mondo dove i lettori sono sempre più disattenti e superficiali.
Un testo creato tenendo presente il comportamento cognitivo del lettore non solo ha maggiori probabilità di essere compreso, ma anche di essere letto, come ci insegnano gli studi sulla Web Usability condotti da Jakob Nielsen da oltre vent'anni a questa parte.

– FACEBOOK INC.

Il Neuro Copywriting funziona davvero o è solo un mucchio di teorie?

Martin Lindstrom, considerato il più grande esponente vivente del neuromarketing, nel suo famoso libro “Buyology: verità e bugie sul perché acquistiamo” sostiene che le decisioni di acquisto del consumatore sono principalmente inconsce.

Le intuizioni di Lindstrom stanno cominciando ad essere confermate accademicamente.

In sostanza, anche se siamo indubbiamente lontani da una comprensione totale del cervello, le neuroscienze sono già in grado di fornire strumenti utili anche a web copywriter, designer e chiunque si occupi di comunicazione.

La scoperta del ruolo dell'ippocampo nella memoria, tanto per fare un altro esempio, ha permesso di spiegare il perché errori e i giochi di parole sono ricordati di più.

Questa scoperta ha aperto la strada a “titoli dell'ippocampo”, un modo di creare claim e slogan particolarmente coinvolgenti e sorprendenti per il cervello, e che soprattutto si ricordano più a lungo.

Il potere della rima negli slogan pubblicitari è noto fin dagli albori dell'umanità, ma solo di recente sono arrivate conferme scientifiche.

La scoperta che il cervello preferisce ascoltare un racconto piuttosto che scorrere lunghe tabelle di dati ha portato anche al fiorire di narrativa.

Secondo un articolo della Harvard Business Review, gli spot di maggior successo sono quelli che sanno utilizzare al meglio questa tecnica.

In conclusione, chi crea contenuti con lo scopo di comunicare con il lettore non può più ignorare le scoperte della medicina e della psicologia cognitiva e la loro applicazione alla scrittura.

it_ITItalian