1# Perché ho investito 100% in Neurocopywriting e come mi sta ripagando

A 10 anni volevo fare il neurochirurgo. Una cugina di mio nonno mi ha regalato i suoi 8 volumi dell'Atlante di anatomia umana di Boururgery. Eccitato, ho passato ore a guardare le illustrazioni, memorizzando le aree del cervello come se dovessero esaminarmi il giorno dopo.

La verità? Non volevo essere un medico. Quella che mi ha chiamato era un'idea che avrebbe sentito in un film o in uno show televisivo: "Usiamo solo 10% del nostro potenziale cerebrale.

Ora so che non è vero, ma a 15 anni ero così ossessionato da quella premessa che ho scritto un romanzo su uno scienziato pazzo.

Cercavo risposte in filosofia, in sociologia, in psicologia...

Inseguire letteralmente le funzioni cerebrali divenne presto un'ossessione. Lentamente verso la neurocopywriting

Il dottor Emmanuel Percival inventato, dopo anni di ricerca, è riuscito ad attivare il “dormire” parti del cervello e ha finito per creare realtà alternative con il suo potere. Un capriccio intenso, proprio come chi scrive qui.

Te lo dico perché non avrei mai immaginato di finire per unire le mie due passioni, parole e il mio cervello.

Alla fine mi sono formato in Filologia Ispanica, Pubblicità e giornalismo, quindi ho poco come neurochirurgo, ma ora vedrai che tutto ha un senso.

Durante i miei studi all'estero ho scelto un corso chiamato Neurolinguistica. Non ero 100% soddisfatto da quell'argomento.

Suppongo di essermi lasciato trasportare dalla nostalgia per quel vecchio atlante, poiché era un argomento difficile da convalidare e che dovevo prendere per puro piacere.

Lì ho imparato molte cose, ma sono rimasta principalmente con due:

  1. i processi di assimilazione del linguaggio
  2. e l'importanza delle parole giuste quando si comunica.

Quindi, quando sono diventato freelance e ho iniziato vendita la mia scrittura e copywriting servizi nei miei primi anni carriera nel 2017 (anche prima di creare Senza scrittura, SL), il mio obiettivo era raggiungere il cervello dietro il lettore.

Avevo già letto concetti simili studiando la pubblicità e il linguaggio persuasivo (con autori che ammiro, come Carlos Luna Calvo e Robert Cialdini), ma ha acquisito ancora più forza quando ho iniziato a fare ricerche sul neuromarketing attraverso Gerald Zaltman, Jürgen Klaric, Clotaire Rapaille, Patrick Renvoise o Néstor Braidot.

A Jürgen ho trovato un insegnante che ha dato un senso alla mia formazione di copywriter. Era il punto di partenza per studiare di più sulla psicologia evolutiva e sociale.

Volevo applicare le tecniche di vendita al linguaggio digitale e ho finito per innamorarmi ancora di più del mio lavoro. Questo articolo e gli altri non hanno lo scopo di insegnare, ma di insegnare e avanzare.

La mia più grande soddisfazione è poter condividere con te 5 anni di esperienza attraverso queste pagine in modo che tu prenda coscienza di tutto ciò che le parole possono fare per te.

Dobbiamo cominciare? Ed ecco che arriva il neurocopywriting

Studiare in tutti questi anni è stato come costruire un puzzle.

Nell'ordine, presto sono andato sempre più in profondità sui miei argomenti preferiti come:

  • Marketing;
  • Copywriting;
  • Marketing dei contenuti e gestione dei contenuti aziendali;
  • Neuro Biologia (Structogram ®);
  • Neuromarketing;

Tutti insieme, è esattamente ciò che ora chiamiamo Neurocopywriting.

Questo è il risultato di anni, mesi uno dopo l'altro con costanza e perseveranza nello studio, nella pratica, nel prendersi anche successi e sconfitte, nell'imparare, nel ricominciare tutto da capo.

Come sto effettivamente usando il neurocopywriting e come mi sta ripagando?

Oggi, in Senza scrittura, in qualità di agenzia di content marketing a 360 siamo in grado non solo di esternalizzare servizi di copywriting sia a SMM servizio di appartenenza.

Siamo in grado di gestire davvero i contenuti in modo efficiente.

Le capacità di copywriting ci permettono di creare contenuti e testo pezzi che raggiungono i loro obiettivi in ogni fase del percorso del cliente.

E tutte le competenze che abbiamo in termini di come funziona il cervello umano reale, elabora le informazioni, reagisce alle cose ci regalano solo la cosa migliore che potremmo mai ottenere:

Neurocopywriting, in quanto il risultato di tutte le aree citate ci permette di vedere le grandi pitciure.

L'immagine è la cosa più importante quando si tratta di lavorare su un marketing Piano.

It’s not only about writing down the best headline, the best landing page’s copy.

Si tratta piuttosto di tutto ciò di cui hai bisogno per far funzionare tutta la macchina il più velocemente possibile.

Case Study: la cosa più degna che abbiamo realizzato con il neurocopywriting

Vorrei mostrarti questo caso di studio personale per essere pratico con te.

Sai chi è Paolo Cattin? È il fondatore e proprietario del più prestigioso Museo Rolex Daytona in oro nato con cinturino invece di bracciali.

Avremmo potuto fare un semplice sito per promuovere la sua “collezione”.

Avremmo potuto fare lo standard.

No. Abbiamo aggiunto valore lavorando su libri che in primis – visto che parlano di investimento in orologeria – hanno creato una tale percezione di autorità nella figura di Paolo Cattin nel settore degli orologi di lusso.

Quindi abbiamo creato un piano editoriale composto da molto materiale cartaceo che parlasse solo della collezione del museo.

Alcune informazioni, valgono così tanto che non le pubblichiamo nemmeno sui social, perché sono esclusive. Vogliamo assicurarci che vengano letti dalle persone giuste e, prima di tutto, abbastanza motivati da attribuire valore e apprezzamento ai contenuti che abbiamo creato.

Il museo non è in vendita. Ma attualmente, dopo tutte le operazioni che abbiamo spostato, il valore totale è almeno 5 volte superiore rispetto a prima prendendo la somma di ogni singolo orologio.

5 VOLTE…

E già si parlava di decine di milioni. Immagina ora dove siamo.

Ehi, spero che questo ti abbia aiutato semplicemente condividendo la mia esperienza personale in questo nuovo meraviglioso mondo.

Lascia un commento

it_ITItalian